UNIVERSITE EUROPEENNE JEAN MONNET BRUXELLES

 e Registro Professionale Europeo dei Naturopati 

A.S.I. INSTITUTE è accreditata da Universitè Europèenne Jean Monnet di Bruxelles.

 

L'università europea Jean Monnet a.i.s.b.l. è un'associazione internazionale senza fini di lucro nata nel 1995 e riconosciuta in Belgio con il regio decreto n. 3/13754 / S del 04/05/1995. Mira a promuovere la cultura e la formazione in Europa. La sua sede è a Bruxelles con la Fondazione Universitaria, in Rue d'Egmont 11.
L'obiettivo principale dell'UEIS aisbl è quello di offrire corsi di formazione post-secondari di alta qualità professionale e di fornire i titoli corrispondenti in tutti i settori che non sono trattati dal sistema formativo tradizionale o che ci sono in esso in particolare quelli relativi alle professioni liberali e intellettuali.

Così il Regio Decreto che autorizza l'UEJM aisbl garantisce che le professioni che non sono protette o regolamentate sono esercitate solo da coloro che hanno un adeguato livello di preparazione e hanno seguito nel loro paese un corso di formazione simile in tutti Paesi europei.

L'UEJM aisbl dà i suoi corsi attraverso i suoi istituti associati, che sono presenti sul territorio europeo. Questi istituti lavorano in piena autonomia, in linea con lo statuto Jean Monnet, e accettano che la direzione di Jean Monnet possa esercitare il controllo e la vigilanza nei loro confronti. Infatti, il livello e la qualità della formazione della Scuola associata Jean Monnet, nonché la competenza dei professionisti che presenta sul mercato del lavoro, sono garantiti da una serie di attività sviluppate dalla sua direzione e dalla sua commissione. esame internazionale (composto da professori indipendenti), quali l'approvazione preventiva dei programmi di formazione, l'organizzazione di seminari, esercitazioni ed esami, la gestione delle dissertazioni finali, le deliberazioni su nuovi titoli professionali.

Gli studenti che ottengono un diploma Jean Monnet, seguendo la discussione di una tesi davanti a una commissione internazionale presso la sede di Bruxelles, ottengono un titolo professionale corrispondente al corso di studio seguito.

L’Université Européenne Jean Monnet a.i.s.b.l., con sede a Bruxelles – Rue d’Egmont 11, c/o Fondation Universitarie, è un'associazione internazionale senza scopo di lucro, nata nel 1995 e riconosciuta in Belgio con Decreto Reale n°3/13754/S del 04/05/1995 - Gazzetta Ufficiale del 26/08/1995-Bruxelles, con lo scopo di promuovere la cultura e la formazione in Europa.

 

Obiettivo principale dell’UEJM AISBL è promuovere e certificare corsi di formazione post-secondaria di elevata qualità professionale e rilasciare i titoli corrispondenti in tutti i settori non trattati o parzialmente trattati dal sistema formativo tradizionale, soprattutto quelli relativi alle nuove professioni.

In tal modo il Decreto Reale, che abilita l'UEJM AISBL, garantisce che le professioni non protette o non regolamentate siano esercitate solo da coloro in possesso di un livello di preparazione adeguato e che abbiano seguito nel loro Paese un iter formativo omogeneo nei Paesi europei.

L’UEJM AISBL promuove i suoi corsi attraverso diversi Istituti associati, presenti su territorio europeo. 
Detti istituti operano in totale autonomia, nel rispetto delle regole dello statuto Jean Monnet. Infatti la correttezza, il livello e la qualità della formazione delle scuole associate Jean Monnet, nonché la competenza dei professionisti che immette sul mercato, sono garantiti da una serie di attività che la direzione dell’UEJM AISBL e la commissione d’esame internazionale Jean Monnet (composta da professori indipendenti) svolgono, come: l’approvazione preventiva dei programmi di formazione; l’organizzazione di seminari, esercitazioni ed esami; la gestione delle tesi finali; le deliberazioni sui nuovi titoli professionali.

Gli studenti Jean Monnet, in seguito alla discussione di una tesi davanti a una commissione internazionale presso la sede di Bruxelles, conseguono la certificazione del livello professionale corrispondente al corso di studio seguito.

L'UEJM non fa parte degli atenei universitari statali o equiparabili, autorizzati a deliberare sui titoli accademici che sono protetti nel loro utilizzo o nell'esercizio della professione relativa. Pertanto i titoli da essa rilasciati non sono automaticamente equipollenti.


FORMAZIONE
UEJM AIsbl propone un primo ciclo di formazione generale:

- DIPLÔME della durata di tre anni ed un numero di ore complessivo corrispondente a circa 180 ECTS (*),

seguito da un secondo ciclo:

- MASTER DE 1ER/2EME NIVEAU con un anno o due anni ulteriori di studio a seconda del grado di approfondimento auspicato ed un numero di ore complessive corrispondente a circa 60/120 ECTS (à ECTS, si vedano gli approfondimenti successivi.).

E’ possibile infine accedere ad una formazione di terzo ciclo:

- DOCTORAT PROFESSIONNEL aperta unicamente a chi sia in possesso di Laurea magistrale o Master JM di 2° Livello ed acquisita esperienza professionale, per la realizzazione di una tesi di ricerca, in un percorso di studio indipendente rispetto ai cicli JM precedenti.


UEJM AISBL E L’EUROPA
UEJM si occupa di certificare percorsi formativi di tipo non accademico; in questa sua scelta, espressa e voluta dal proprio statuto, si pone in un’ottica di collaborazione e scambio con le Università ed il mondo accademico, non sovrapponendosi ad esso bensì sviluppando e sostenendo progetti didattici professionalizzanti con l’obiettivo di garantire la qualità in contesti attualmente non regolamentati.

UEJM gestisce una rete estremamente attiva sul piano europeo. Essa fonda la sua missione e la sua ricerca su un forte principio di tolleranza e difesa delle libertà ed ogni anno decine di studenti di tutta Europa scelgono di aderirvi per costruire il proprio futuro. Il suo livello internazionale e la sua localizzazione a Bruxelles, sede
delle istituzioni europee, permette agli studenti che lo desiderino di stabilire contatti e tessere una rete di relazioni che saranno proficui durante tutta la loro vita professionale.
Per questo UEJM aderisce e si conforma a quanto stabilito nel Processo di Bologna in termini di modalità, strumenti ed obiettivi del sistema
formativo.

CICLI E TITOLI DI STUDIO
Il tema dei titoli di studio e della loro articolazione in cicli è centrale nel Processo di Bologna. 
Nella Dichiarazione di Bologna (1999) il tema viene affrontato attraverso l'individuazione dei seguenti obiettivi:

1. Titoli di agevole lettura e comparazione, attraverso strumenti comuni.

2. Due cicli principali, "undergraduate" e "graduate".

L'accesso al secondo ciclo richiede il completamento del primo. Il 1° ciclo ha durata minima di 3 anni; il 2° ciclo può concludersi con master e/o dottorato.

Nel 2001 il Comunicato di Praga riprende i due obiettivi, per verificare il percorso compiuto e fornire ulteriori indicazioni.

Il Comunicato di Berlino (2003) si concentra sulla struttura dei titoli in due cicli principali. Tra le altre tematiche, il Comunicato introduce l'idea dei Frameworks for Qualifications(Quadri dei titoli).

Il Comunicato di Bergen (2005) riprende anch'esso il Sistema a due cicli, registrando e segnalando i punti di forza e le difficoltà incontrate e soffermandosi sul tema del Dottorato di ricerca.

"Caratteristica principale: avanzamento della conoscenza tramite la ricerca

- Durata: 3-4 anni a tempo pieno

 - Sollecitazione a programmi che promuovano studi interdisciplinari e che forniscano competenze utilizzabili
anche all'esterno del mondo accademico-scientifico

- I partecipanti vanno considerati sia studenti, di terzo
ciclo, sia ricercatori in fase iniziale".

In sintesi, osservando quanto accade nell’applicazione delle norme generali entro i singoli contesti nazionali, si può concludere che la strutturazione in cicli si sta attuando sempre più diffusamente, seppur sia ancora da acquisire il reale valore del certificato di 1° ciclo nel contesto lavorativo. Inoltre, mentre in passato si considerava il 2° ciclo in termini di flessibilità, con un percorso di master più breve ed uno di dottorato più lungo, attualmente quest’ultimo si stacca dal primo, identificando un 3° ciclo a se stante.

CREDITI ECTS - BOLOGNA E I CREDITI ECTS
(Sistema Europeo per l’Accumulazione e ed il Trasferimento dei Crediti)
Con la Dichiarazione di Bologna (1999) si evidenzia la necessità di adottare un comune sistema di crediti

- basato su ECTS - che possano essere reciprocamente riconosciuti entro le varie istituzioni europee.
I comunicati di Praga (2001) e di Berlino (2003) hanno ulteriormente sottolineato l’urgenza di un tale sistema, non solo per facilitare la circolazione degli studenti ma anche per mettere a punto curricola nazionali ed internazionali comuni e rispondenti alla struttura della formazione in tre cicli.

ECTS E JM
Attualmente il sistema ECTS si basa sulla definizione di "credito" e su procedure ampiamente condivise a livello europeo. Secondo la definizione europea (ECTS Key Features, 2002) "il credito ECTS è basato sul carico di lavoro richiesto ad uno studente per raggiungere gli obiettivi formativi di un corso di studio, obiettivi preferibilmente espressi come risultati di apprendimento previsti e competenze da acquisire. 
Il carico di lavoro include il tempo dedicato a tutte le attività di apprendimento". 
Per definizione, quindi, i crediti ECTS/CFU si basano sui tempi di apprendimento più che di insegnamento e sui risultati dell'apprendimento più che sui contenuti dei piani di studio, intesi non solo come conoscenze ma anche come abilità.

Il sistema europeo attribuisce al credito un valore assoluto che oscilla fra 25 e 30 ore ad ogni anno di studio a tempo pieno il valore convenzionale medio di 60 crediti. Inoltre, attribuisce a ciascun credito il valore assoluto di 25 ore di impegno dello studente, per un totale di 1500 ore annue; ECTS prevede anche che i valori numerici in crediti attribuiti alle singole attività formative siano accompagnati da descrizioni delle conoscenze ed abilità da acquisire nei tempi di apprendimento indicati.

L’ UEJM non adotta un proprio sistema di attribuzione di crediti, seppur ad esso conformi la struttura dei percorsi formativi approvati. Ciò per evitare il fraintendimento su eventuali automatiche corrispondenze che attualmente non sarebbero ancora possibili all’interno dei diversi sistemi nazionali, ove vige il principio di autoregolamentazione delle strutture di formazione universitaria. Per quanto riguarda il trasferimento dei crediti, per esempio, la normativa italiana - in analogia ai principi europei - chiarisce che "il riconoscimento totale o parziale dei crediti acquisiti dallo studente ai fini della prosecuzione degli studi compete alla struttura didattica che accoglie lo studente, con procedure e criteri predeterminati stabiliti nel Regolamento Didattico di Ateneo" (art. 5/5). Tale intento di chiarezza non esclude naturalmente la libera circolazione dei certificati JM ed il loro utilizzo a livello curriculare.

Come previsto in ECTS, anche nel sistema JM i "crediti (= valore) corrispondenti a ciascuna attività formativa sono acquisiti dallo studente con il superamento dell'esame o di altra forma di verifica del profitto" (art. 5/4) realizzato all’interno delle sedi associate. La somma delle verifiche dà luogo ad una votazione di media che costituisce lo step d’ingresso all’esame JM finale, un momento di "valutazione di livello" indipendente, per il conseguimento della certificazione finale.

RICONOSCIMENTO TITOLI
La convenzione di Lisbona. Obiettivi:

- consentire ai diplomati della scuola secondaria superiore di accedere alle università e agli altri istituti d'istruzione superiore di tutti i paesi;
- facilitare i programmi di scambi accademici studenteschi, garantendo il riconoscimento dei periodi e dei cicli di studio effettuati all'estero;
- utilizzare i titoli accademici nazionali finali per l'accesso al mercato del lavoro e delle professioni regolate in tutti i paesi o per proseguire gli studi a livello più avanzato;
- aumentare la quantità, la qualità e la trasparenza dell'informazione disponibile sui sistemi nazionali d'istruzione superiore, sulle università ed i loro programmi, sull'offerta formativa, sui titoli di studio anche attraverso lo sviluppo dei centri nazionali d'informazione sulla mobilità e il riconoscimento dei titoli e la diffusione di nuovi strumenti di certificazione come il "supplemento al diploma".

Uno sguardo ai contenuti
La seconda regola prevede che le procedure e i criteri impiegati per la valutazione dei titoli esteri e per il loro riconoscimento debbano essere "trasparenti, coerenti e affidabili"; l'autorità che riconosce il titolo estero deve dunque rendere noti i propri criteri di valutazione (trasparenza); tali criteri devono essere certi, non
discrezionali e devono applicarsi senza sensibili differenze di comportamento tra un istituzione e l'altra (coerenza); i criteri di valutazione devono infine essere fondati su principi validi e condivisi nella comunità scientifica internazionale, e seguire codici di buona pratica (affidabilità).

La terza regola prevede che la decisione di riconoscere un titolo estero debba essere adottata sulla base di
adeguate informazioni.

La quarta regola riguarda la durata del procedimento e la possibilità di interporre appello.
La quarta sezione della Convenzione di Lisbona regola il riconoscimento dei titoli esteri di scuola secondaria per l'accesso alle diverse forme di istruzione superiore presenti in un Paese.
La prima norma - molto generale ma certamente chiara - è quella che prevede che se un titolo consente in un Paese di accedere a quel sistema di istruzione superiore, esso sarà accettato anche dagli altri Stati come titolo valido per l'accesso ai rispettivi sistemi nazionali di istruzione superiore. 
Tale norma è tuttavia temperata dalla possibilità di rifiutare l'accesso ad un titolo estero qualora sussistano sostanziali e comprovate differenze tra i requisiti generali di accesso nei due Paesi. E' il caso, ad esempio, di quei paesi nei quali la scolarità pre-universitaria ammonta complessivamente a dieci o undici anni.

La quinta sezione stabilisce il principio che i cicli e i periodi di studio effettuati all'estero siano riconosciuti dall'ateneo di provenienza. Tale principio è valido sia nel caso di studenti che si muovano nel quadro di programmi organizzati di mobilità, sia nel caso di studenti free-movers. Due condizioni facilitano il riconoscimento dei periodi di studio effettuati all'estero: l'esistenza di un accordo previo di collaborazione (learning agreement) tra i due atenei e il rilascio di un'adeguata certificazione. 
E' suggerito l'uso della strumentazione prevista dal sistema ECTS (European Credit Transfer System).

La sesta sezione della Convenzione di Lisbona impegna i Paesi firmatari a riconoscere reciprocamente i titoli accademici finali. Questa indicazione generale tiene conto delle differenze spesso profonde tra i diversi sistemi nazionali ed in particolare tra quei Paesi che assoggettano al diritto nazionale i sistemi d'istruzione e gli ordinamenti didattici, conferiscono valore legale ai propri titoli e ne elaborano un quadro di norme di protezione giuridica, e quei Paesi che adottano sistemi di accreditamento delle istituzioni, dei percorsi di studio e dei titoli, autogenerati dal corpo sociale.
I principi fissati dalla Convenzione di Lisbona valgono dunque qualunque sia il modello ispiratore del sistema nazionale di riconoscimento dei titoli esteri (equipollenza, omologazione, riconoscimento finalizzato, accettazione, accreditamento, ecc.).

Le ultime sezioni della Convenzione sono dedicate rispettivamente al riconoscimento dei titoli dei rifugiati, all'informazione sui sistemi e sui titoli e alle procedure di ratifica.

LA POSIZIONE DEI TITOLI JM
La richiesta di riconoscimento dei titoli JM nel sistema europeo segue i principi enunciati dalla Convenzione di Lisbona, nel rispetto delle singole regolamentazioni nazionali.
Trattandosi di certificati attestanti specializzazioni in ambiti generalmente non regolamentati, non esistono né sono necessarie equipollenze con titoli di tipo accademico. Salvo specifiche restrizioni da parte degli Stati, l’esercizio delle professioni interessate è libero e regolato dal rispetto di precisi codici deontologici che rendano impossibile qualunque forma di abuso.

Un esempio: l'applicazione in Italia


L’APPRENDIMENTO PERMANENTE ED IL PROCESSO DI BOLOGNA
Già nella riunione di Praga del 2001 si afferma il principio che "nell’Europa del futuro, costruita su una società ed una economia basata sulla conoscenza, è indispensabile elaborare strategie per l’apprendimento permanente che consentano sia di far fronte alle sfide poste dalla competitività e dall’uso di nuove tecnologie, che di migliorare la coesione sociale, la parità delle opportunità e la qualità della vita".

Nel Comunicato di Berlino "i Ministri sottolineano l’importante contributo offerto dall’istruzione superiore per tradurre in azioni concrete l’idea di un apprendimento permanente. Gli stessi ministri stanno assumendo i provvedimenti necessari per far convergere le loro politiche nazionali verso la realizzazione di tale obiettivo; esortano quindi le istituzioni di istruzione superiore, e tutti coloro che sono interessati al problema, ad accrescere le possibilità di perseguire un apprendimento permanente a livello di istruzione superiore con il riconoscimento dell’apprendimento pregresso. I ministri ribadiscono che tale funzione deve costituire una parte integrante delle attività di istruzione superiore. (…) Essi sottolineano inoltre la necessità di offrire a tutti i cittadini maggiori opportunità di seguire, secondo le loro aspirazioni ed abilità, dei percorsi di
apprendimento permanente, sia in collegamento con l’istruzione superiore che all’interno di essa".

Nel Comunicato di Bergen (2005) i Ministri evidenziano con chiarezza lo stretto legame esistente tra l’apprendimento permanente ed i Quadri dei titoli che si stanno elaborando. Dapprima sottolineano "l’importanza di assicurare la complementarietà tra il Quadro europeo dei titoli, che si sta attuando per l’istruzione superiore nell’ambito del processo di Bologna, ed il più ampio UEJM accoglie i principi espressi nel contesto europeo in merito all’apprendimento permanente e li realizza attraverso il Centre Culturel Européen Jean Monnet Asbl, organismo belga delegato alla gestione degli ordini professionali europei JM per il controllo e la valorizzazione di quelle professioni che oggi non possono godere di altra forma di tutela né legittimazione.

Concorde con l’idea della necessità di un sistema di formazione continua, il CCEJM promuove e sostiene momenti di aggiornamento per i propri associati con l’intento di raggiungere livelli professionali qualitativamente sempre più elevati.
(nel testo sono presenti numerosi abstracts tratti da www.bolognaprocess.it )

CENTRE CULTUREL EUROPÉEN JEAN MONNET A.S.B.L.
FEDERAZIONE PROFESSIONALE PER LA GESTIONE DEI REGISTRI PROFESSIONALI EUROPEI JM

Il Centre Culturel Européen Jean Monnet è un’ associazione senza scopo di lucro che si occupa della gestione degli ordini professionali Jean Monnet e dei servizi dispensati dagli stessi (Rif. 17491/93 del Moniteur Belga). Gli Ordini Jean Monnet operano senza distinzione di nazionalità, razza, religione, condizione sociale e appartenenza politica riconoscendo e valorizzando le differenze in un’ottica antidiscriminatoria, appropriata alla multiculturalità della società moderna.

Gli Ordini sono apolitici, non hanno scopi di lucro e si propongono le seguenti finalità:
▪ Sviluppare la professione promuovendo la qualità in campo nazionale ed internazionale attraverso studi e ricerche.
▪ Organizzare e patrocinare seminari, conferenze e convegni per approfondire lo studio e diffondere la pratica della professione.
▪ Promuovere la formazione permanente dei soci sia attraverso l’organizzazione di attività inerenti gli scopi degli Ordini sia attraverso il sostegno a scambi culturali e a programmi di formazione permanente nazionali e internazionali.
▪ Diffondere la conoscenza di riviste, testi, trattati, monografie e pubblicazioni sul tema nonché realizzare pubblicazioni, cartacee e/o multimediali, finalizzate alla diffusione e valorizzazione della professione.
▪ Fornire alle scuole e agli Enti associati all’ UEJM AISBL assistenza per l’organizzazione e la gestione di corsi di formazione e di aggiornamento, teorici e pratici.
▪ Collaborare, mediante apposite convenzioni, con strutture e servizi sociali la cui natura operativa sia compatibile con le finalità dell’Associazione.
▪ Definire gli standard di formazione per l’esercizio della professione, in conformità agli standard e alla vigente normativa europea.
▪ Accreditare programmi di Scuole ed Istituti di formazione alla professione.
▪ Attivare centri di documentazione e banche dati sulle professioni e sui programmi delle scuole associate, al fine di promuovere la qualità, controllare il mercato e la domanda, controllare l’attività degli associati e la soddisfazione dei clienti.
▪ Promuovere una rete informatica tra gli associati per permettere una connessione veloce, efficace e costante che assicuri un scambio di informazioni adeguato ai bisogni culturali e professionali dell’associazione.
▪ Promuovere la cooperazione e lo scambio con associazioni nazionali ed internazionali che abbiano simili finalità, per creare delle associazioni sovranazionali, secondo quanto stabilito dalle direttive europee.

Fornire agli associati una serie di servizi come:

- Assistenza legale e fiscale;
- Forme integrative di pensione e assicurazione professionale attraverso convenzioni con le compagnie di assicurazione; 
- Aggiornamento dei registri degli associati; 
- Controllare la legittimità della pubblicità fatta dagli associati, per salvaguardare il decoro della professione, e la veridicità della stessa, conformemente al codice deontologico; 
- Stabilire un tariffario minimo e massimo delle prestazioni professionali degli associati e mantenere un servizio di customer care.

Contattaci

Italia: 800 474855 - 371 335 9286 

info.italia@asiinstitute.com

Svizzera: +41 79 907 3366 - info.svizzera@asiinstitute.com

  • Facebook Icona sociale
  • Twitter Icon sociale
  • Black Instagram Icon
  • Black YouTube Icon
  • Black Google+ Icon

A.S.I. INSTITUTE Sagl

Sede legale: Via G.Tell 2 , CH-6883 Novazzano (TI)

Succursale Italia: P.zza Pio XI,2 Milano, sede operativa Via Socrate 26, Milano

© 2018 by Jess-Agency www.jessagency.com

 

71427321893 . 5197148 . 212309909 . 1888948 . 318798 . 372622777 . 589317318614 . 61931851971 . 54121381948​